Mostra - Tessere il futuro, vestire il corpo

Dal 17.01.2024 al 21.04.2024

Dal 17 gennaio al 21 aprile 2024, la mostra Weaving the Future, Dressing the Body (Tessere il futuro, vestire il corpo ) analizza le competenze tessili eccezionali e il loro contributo alla moda sostenibile. 

Negli ultimi decenni, l'arte di creare abiti ha superato la sua semplice funzione utilitaria per diventare una modalità di espressione artistica a sé stante. La diversità dei materiali e delle tecniche a disposizione dei designer apre una gamma infinita di possibilità di design. Artisti, artigiani, designer e marchi stanno dando vita a pezzi unici che prendono posizione contro l'industria tessile e il suo impatto sull'ambiente. 

Con Tisser l'Avenir, Habiller le corps, il curatore della mostra Pascal Gautrand, esperto di fashion design e fondatore di Made In Town e del Collectif Tricolor, ci invita a esplorare la ricchezza di materiali, attori e mestieri coinvolti nel design tessile contemporaneo sostenibile. La mostra offre una porta d'accesso essenziale al mondo dietro le quinte, concentrandosi su tre temi chiave: sobrietà, riutilizzo e ritorno alla naturalità. 

 "Preparatevi a rimanere abbagliati dalla bellezza, dalla creatività e dall'ingegno di questi fili intrecciati che tessono legami protesi verso il futuro".

- Pascal Gautrand, curatore della mostra

Si tratta di una vera e propria ode a competenze eccezionali, con il lavoro di Valérie Mréjen, costumista teatrale e dell'artista visiva Geneviève Sevin-Doerin, le cui creazioni sono state raramente esposte in Francia, lo Chapeau-vie di Marie-Ange Guilleminot, nelle sue versioni dal 1994 al 2015, gli abiti asimmetrici di Stéphanie Coudert e il telaio a maglia di Jeanne Vicérial. Queste creazioni mostrano come diverse generazioni di donne stiano esprimendo la loro sensibilità e tornando a un minimo di sobrietà. 

La nozione di riutilizzo è incarnata dai pezzi di Aalto/Recoded, il marchio pionieristico di upcycling di Andrea Crews, nonché dalle creazioni in denim ritessuto di Aurélia Leblanc, vincitrice del premio della Fondazione Bettencourt Schueller, e dell'artista e ricamatrice Anaïs Beaulieu. Infine, con il sostegno dei marchi Marelha e Maison Izard, della designer Aurore Thibout e del gruppo Depestele, l'attenzione si concentra sul ritorno all'essenza del design tessile, all'armonia con la natura e alla sostenibilità. 

Campioni, indumenti e altre creazioni realizzate con materiali naturali punteggeranno questa sezione finale, testimoniando i legami che stanno emergendo tra pratiche ancestrali e pratiche ingegnose. 

L'intero corpus di opere della mostra è disponibile nel catalogo:

Video recensione dell'inaugurazione della mostra - Prodotto da CD92

Ordine del giorno

Week-end de clôture de l’exposition le samedi 20 et dimanche 21 avril 2024

Samedi 20 avril 11H – Visite commentée

Queste esclusive visite guidate vi invitano a scoprire le mostre del JAD.

Il nostro mediatore vi guiderà alla decifrazione delle opere e vi farà conoscere i creatori e le loro abilità. La visita è preceduta da un caffè conviviale, un'occasione unica per apprezzare questo complesso architettonico e la sua vista sulle serre del Domaine National de Saint-Cloud. 

Dimanche 21 avril 15H – Atelier Jeune Public « Empreintes végétales »

 Atelier créatif jeune public (6 – 12 ans) autour de la création de motifs sur tissus à partir de fleurs et plantes. 

Dimanche 21 avril 15H – Rencontre avec Aurore Thibout

Créatrice de vêtements et artiste textile, Aurore Thibout navigue entre ses collections artisanales et la conception de costumes pour les arts vivants et travaille sur la préservation et l’évolution des gestes des techniques ancestrales.

Dimanche 21 avril 16H30 – Performance et danse avec Satchie Noro

Phaenomena est une exploration entre mouvement et matières textiles, un travail collaboratif entre la plasticienne textile Aurore Thibout et la chorégraphe Satchie Noro. Phaenomena célébre une danse jubilatoire, dans une intrication de tissus versatiles et persistants, dans tous leurs états. Un duo interprété par les artistes Natacha Kierbel et Yumi Rigout.

Informazioni pratiche

Orari di apertura 

Esposizione dal 17 gennaio al 21 aprile 2024

Da mercoledì a domenica, dalle 14.00 alle 19.00

Ingresso libero

Accesso

JAD, il Giardino dei Mestieri d'Arte e di Design

6 Grande Rue, 92310 Sèvres

Metro: Linea 9, fermata "Pont de Sèvres", uscita 2

Tram: T2, fermata "Musée de Sèvres".

Autobus: 169, 171, 179, 426, fermata "Pont de Sèvres

Parcheggio: Parcheggi presso la stazione dei tram e all'ingresso del Parc de Saint-Cloud.

Il sito è accessibile alle persone con mobilità ridotta. Per qualsiasi richiesta specifica, contattateci all'indirizzo: contact@le-jad.fr.

CONTATTI

Agenzia di stampa - S2H

Pierre-Jean CHAUTY

pierrejean@s2hcommunication.com

Comunicazione JAD

Iloé FÉTRÉ

iloe@le-jad.fr

Dipartimento stampa
des Hauts-de-Seine

Simon THOLLOT 

sthollot@hauts-de-seine.fr 

Per tutte le altre richieste, scriveteci a: contact@le-jad.fr